Dispositivi anti-abbandono: in arrivo il bonus

Una vera e propria strage di innocenti avviene ogni anno sulle arterie stradali di ogni parte del globo. Molto spesso, infatti, i bambini sono trasportati a bordo delle automobili senza che siano applicate regole tese ad implementare la loro sicurezza. Non solo molto spesso non viaggiano protetti dai seggiolini che pure potrebbero rappresentare un notevole scudo in caso di sinistro, ma quando ciò avviene magari rimangono vittima di comportamenti assolutamente impropri da parte dei genitori anche nell’uso di questi dispositivi, magari installati in posizioni del tutto insicure.
Va anche sottolineato come a volte la legislazione nazionale spinga gli stessi genitori a comportamenti non proprio virtuosi, proprio per l’assenza di obblighi in tal senso o di provvedimenti pecuniari in grado di ridurli a più miti consigli.
Tra le cause che spingono le famiglie a comportamenti di questo tipo ci sono anche quelle economiche. Nei periodi di crisi economica, in particolare, non sono pochi coloro che magari decidono di non adottare un seggiolino auto ripiegando su linee di condotta che secondo loro basterebbero per evitare conseguenze serie. Il caso è però sempre dietro l’angolo, una cosa che non dovrebbe mai essere dimenticata.

L’obbligo dei dispositivi antiabbandono

Nelle passate settimane, ad esempio, si è molto parlato dell’obbligo introdotto dal governo per l’installazione di dispositivi anti abbandono dei minori nelle auto. Una decisione giustissima, proprio alla luce dei tanti casi che hanno turbato l’opinione pubblica nel corso degli ultimi anni.
Si tratta però di un obbligo che impone una notevole spesa aggiuntiva alle famiglie in un momento in cui il Paese è entrato in una vera e propria fase di recessione. Tanto da spingere le associazioni dei consumatori a chiedere all’esecutivo l’introduzione di un bonus in grado di aiutare quelle che hanno maggiori difficoltà ad arrivare alla fine del mese. Una richiesta accolta dal governo, che ha deciso di collegare all’obbligo un bonus che dovrebbe arrivare a 200 euro, alleviando quindi il peso per i nuclei familiari più esposti ai rigori della crisi economica.
Sul mercato sono naturalmente disponibili molti dispositivi che possono soddisfare la richiesta di sicurezza dei neo genitori. Occorre però conoscere nel dettaglio i seggiolini auto per poter capire quali possono rivelarsi un vero e proprio investimento in termini di sicurezza dei piccoli. A tale scopo ricordiamo che anche sul web è possibile reperire una notevole mole di informazioni al proposito, oltre a proposte da parte delle case costruttrici in grado di conseguire un elevato rapporto tra qualità del prodotto e prezzo di vendita.